Albi, ruoli, ambiente e agricoltura

In questa pagina:

In primo piano

Altri documenti? Nessuna notizia in evidenza.



Albi e Ruoli

Alla Camera di Commercio compete la tenuta di registri in cui sono iscritti i soggetti che esercitano le pių svariate attivitā comprese nei settori del commercio e dei servizi pių importanti.
Il numero di questi registri, formati o, comunque, gestiti dagli enti camerali, č considerevole; spesso vengono denominati albi, ruoli o elenchi anche se la differenza di qualificazione non ha alcun valore giuridico.
Tradizionalmente si uso distinguere tra:

  • registri anagrafici, aventi una funzione prettamente anagrafica cui puō riconoscersi un valore di pubblicitā notizia;
  • registri abilitanti, aventi piuttosto funzione abilitativa nell'esercizio di una determinata attivitā.

Ambiente

MUD

Il Modello Unico di Dichiarazione Ambientale, č un modello attraverso il quale devono essere denunciati i rifiuti prodotti dalle attivitā economiche, quelli raccolti dal Comune e quelli smaltiti, avviati al recupero o trasportati nell'anno precedente la dichiarazione.

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 303 del 30 dicembre 2011, (Supplemento Ordinario n. 283), č stato pubblicato il D.P.C.M. 23 dicembre 2011 con il quale č stato approvato il Modello Unico di Dichiarazione ambientale da utilizzare da parte dei soggetti interessati entro il 30 aprile 2012, con riferimento all’anno 201.

RAEE

Č stato pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n. 257 del 5 novembre 2007, il Decreto 25 Settembre 2007, n.185, che definisce le modalitā di finanziamento del Registro Nazionale dei Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche istituito dall’art. 14 del D.Lgs. 25 luglio 2005, n. 151.
Il decreto č in vigore dal 20 novembre 2007, pertanto i soggetti obbligati che giā operano nel settore (come definiti all'art. 3, comma 1, lettera m) del D.Lgs 151/2005), entro 90 giorni (quindi il 18 febbraio 2008), sono tenuti ad effettuare l'iscrizione al suddetto registro.
L’iscrizione deve avvenire prima dell’avvio dell’attivitā nel mercato italiano per i nuovi soggetti.
Nel registro devono essere iscritti, in apposita sezione, i sistemi collettivi o misti istituiti per il finanziamento della gestione dei RAEE di cui agli articoli 10, comma uno, 11, comma uno, e 12, comma quattro, del D.Lgs. 151/05.
Con la pubblicazione del D.M. n.185/07 prende avvio il Sistema di Gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE), nonostante manchi ancora l'approvazione di alcuni importanti decreti.
Attraverso il Sito ufficiale del Registro (www.registroaee.it) č possibile ottenere tutte le informazioni relative agli adempimenti delle Imprese, i soggetti obbligati e le istruzioni per l’iscrizione al registro; inoltre č pubblicata la Guida Operativa all'iscrizione al Registro Nazionale dei Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, predisposta da Unioncamere, con la collaborazione di ANIE (Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) ed Ecocerved.

Si informa l'utenza che, una volta iscritti, č possibile scaricare dal portale www.impresa.gov:

  • Attestato di iscrizione, contenente il numero da riportare sui documenti commerciali;
  • Copia dell'istanza trasmessa.

Per fare ciō č necessario:

  • accedere al portale www.impresa.gov
  • andare nell'area Scrivania, sezione Pratiche in corso;
  • scegliere la voce Ambiente/CCIAA, e cliccare su aggiorna stato.

SISTRI

Il SISTRI – sistema di controllo della tracciabilitā dei rifiuti – nasce nell'anno 2009 su iniziativa del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare nel pių ampio quadro di innovazione e modernizzazione della Pubblica Amministrazione per permettere l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti speciali a livello nazionale. Istituito con D.M. 17 Dicembre 2009 (pubblicato sulla G.U. del 13 gennaio 2010) entrato in vigore il 14 gennaio 2010, č stato poi rivisto dal Decreto Ministeriale 18 febbraio 2011, n. 52, e successive modifiche ed integrazioni. Il sistema nasce con l'intento di gestire in modo innovativo ed efficiente tutto il processo complesso legato alla gestione dei rifiuti con ampie garanzie di trasparenza, conoscenza e prevenzione dell'illegalitā nel settore. Al sistema informatizzato si accede in sicurezza tramite:

  • una chiavetta USB (dispositivo USB) per la trasmissione dei dati relativi ai rifiuti gestiti e per la firma elettronica delle informazioni fornite;
  • un dispositivo elettronico definito black box da installarsi, a cura di officine autorizzate, su ciascun veicolo che trasporta rifiuti.

Per qualsiasi approfondimento e/o aggiornamento in materia di SISTRI č necessario consultare il sito del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare all'indirizzo www.sistri.it Nel portale dedicato, oltre alla normativa sono contenute tutte le informazioni utili ai soggetti coinvolti nel sistema di controllo della tracciabilitā dei rifiuti, a partire dal procedimento di iscrizione e di ogni altra operazione preliminare alla consegna dei dispositivi elettronici. E’ presente inoltre una sezione dedicata alle domande frequenti e ai contatti con gli operatori del sistema.

 

 
Giudica l'utilitā di questa pagina cliccando sulle stelle:
Valutazione degli ultimi 12 mesi:
  Numero giudizi: 3 - Media: Scarso
Valutazione complessiva:
  Numero giudizi: 20 - Media: Sufficiente

icona Twitter icona Facebook icona Google Plus icona YouTube icona Slideshare

Questa pagina ti č stata utile?
stella gradimento Vota a fondo pagina stella gradimento
 

 

Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilitā. Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!