Comunicati stampa Comunicati stampa

Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche – Registro AEE

Pubblicato il: 27/11/2007


Downloads       Links

Registro Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche – Registro AEE

Immagine paragrafo - Registro Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche – Registro AEE È stato pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n. 257 del 5 novembre 2007, il Decreto 25 Settembre 2007, n.185, che definisce le modalità di finanziamento del Registro Nazionale dei Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche istituito dall’art. 14 del D.Lgs. 25 luglio 2005, n. 151.
Il decreto è in vigore dal 20 novembre 2007, pertanto i soggetti obbligati che già operano nel settore (come definiti all'art. 3, comma 1, lettera m) del D.Lgs 151/2005), entro 90 giorni (quindi il 18 febbraio 2008), sono tenuti ad effettuare l'iscrizione al suddetto registro.
L’iscrizione deve avvenire prima dell’avvio dell’attività nel mercato italiano per i nuovi soggetti.
Nel registro devono essere iscritti, in apposita sezione, i sistemi collettivi o misti istituiti per il finanziamento della gestione dei RAEE di cui agli articoli 10, comma uno, 11, comma uno, e 12, comma quattro, del D.Lgs. 151/05.
Con la pubblicazione del D.M. n.185/07 prende avvio il Sistema di Gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE), nonostante manchi ancora l'approvazione di alcuni importanti decreti.
Attraverso il Sito ufficiale del Registro (www.registroaee.it) è possibile ottenere tutte le informazioni relative agli adempimenti delle Imprese, i soggetti obbligati e le istruzioni per l’iscrizione al registro; inoltre è pubblicata la Guida Operativa all'iscrizione al Registro Nazionale dei Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, predisposta da Unioncamere, con la collaborazione di ANIE (Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) ed Ecocerved.

top

Obiettivi del Sistema di Gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Immagine paragrafo - Obiettivi del Sistema di Gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche Il Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 individua misure e procedure finalizzate a:
1.prevenire la produzione di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE);
2.promuovere il reimpiego, il riciclaggio e le altre forme di recupero dei RAEE, in modo da ridurne la quantità da avviare allo smaltimento;
3.migliorare, sotto il profilo ambientale, l'intervento dei soggetti che partecipano al ciclo di vita di dette apparecchiature, quali, ad esempio, i produttori, i distributori, i consumatori e, in particolare, gli operatori direttamente coinvolti nel trattamento dei RAEE;
4.ridurre l'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

top

Categorie di apparecchiature

Immagine paragrafo - Categorie di apparecchiature Le tipologie di apparecchiature rientranti nel campo di applicazione della normativa sono riportate nell'allegato 1A del D.Lgs. n. 151 del 25 luglio 2005, e si possono raggruppare in 10 categorie:
1.Grandi elettrodomestici
2.Piccoli elettrodomestici
3.Apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni
4.Apparecchiature di consumo
5.Apparecchiature di illuminazione
6.Strumenti elettrici ed elettronici (ad eccezione degli utensili industriali fissi di grandi dimensioni)
7.Giocattoli e apparecchiature per lo sport e per il tempo libero
8.Dispositivi medici (ad eccezione di tutti i prodotti impiantati e infettati)
9.Strumenti di monitoraggio e di controllo
10.Distributori automatici
L'allegato 1B dello stesso D.Lgs. individua, a titolo esemplificativo, e non esaustivo, un elenco di prodotti che rientrano nelle categorie dell'Allegato 1A. Pertanto se l'apparecchio non figura nel predetto elenco, non si esclude la possibilità che questo prodotto possa rientrare nell'ambito di applicazione della Direttiva 2002/96/CE.

top

Marcatura dei prodotti

Immagine paragrafo - Marcatura dei prodotti La dimensione minima del simbolo è 7 mm.
In base all'art. 13 comma 4 del D.Lgs 151/2005 tutte le apparecchiature elettriche ed elettroniche rientranti nel campo di applicazione e poste sul mercato dal 13 agosto 2005 devono riportare, a cura e sotto la responsabilità del produttore, in modo chiaro, visibile ed indelebile, un'indicazione che consenta di identificare lo stesso produttore e il simbolo che indica che l'apparecchiatura è stata immessa sul mercato dopo il 13 agosto 2005 e che deve essere oggetto di raccolta separata. Nel caso in cui l'apposizione del simbolo fosse resa impossibile dalle dimensioni o dalla funzione dell'apparecchiatura, il marchio stesso deve essere apposto in modo visibile sulla confezione, sulle istruzioni e sul foglio di garanzia.

top

Soggetti interessati

Sono interessati tutti i produttori di AEE come definiti nell'art. 3 comma 1, lettera m) del D.Lgs. n. 151/2005.
Inoltre, sono interessati i sistemi collettivi o misti istituiti per il finanziamento della gestione dei RAEE.
Infine, il sistema di gestione dei Rifiuti AEE coinvolge i distributori di apparecchiature elettriche ed elettroniche e gli Enti Comunali.

top

Normativa sui Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche e Codice dell'Ambiente

Immagine paragrafo - Normativa sui Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche e Codice dell'Ambiente Trattandosi di rifiuti, chi si occupa dei RAEE è soggetto a quanto stabilito dal Titolo IV del D.Lgs 152/2006 (Codice dell'Ambiente). In particolare, ha l'obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico e del formulario di trasporto, nonché di presentazione della dichiarazione annuale del MUD e, in alcuni casi, della iscrizione all'Albo nazionale Gestori Ambientali.

top

Registro dei Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

L'iscrizione al registro, effettuata presso la Camera di Commercio nella cui circoscrizione si trova la sede legale dell'impresa, è requisito essenziale per proseguire o intraprendere l'attività.
L'iscrizione avviene esclusivamente per via telematica attraverso il sito www.registroaee.it.
L'accesso deve essere effettuato dal legale rappresentante dell'impresa che intende iscriversi mediante l'utilizzo di un dispositivo di firma digitale.
Il legale rappresentante può successivamente delegare un soggetto di sua fiducia, anch'esso dotato di dispositivo di firma digitale ad effettuare le operazioni amministrative per conto della o delle imprese rappresentate.
Nel sito www.registroaee.it è disponibile anche il Manuale per la gestione delle deleghe.

Si informa l'utenza che, una volta iscritti, è possibile scaricare dal portale impresa.gov:

  • Attestato di iscrizione, contenente il numero da riportare sui documenti commerciali;
  • Copia dell'istanza trasmessa.

Per fare ciò è necessario:
  • accedere al portale impresa.gov
  • andare nell'area Scrivania, sezione Pratiche in corso;
  • scegliere la voce Ambiente/CCIAA, e cliccare su aggiorna stato.

top

Requisiti da possedere al momento dell'iscrizione

1.Il modulo di iscrizione una volta compilato deve essere sottoscritto mediante firma digitale apposta dal legale rappresentante dell'impresa; pertanto è indispensabile che lo stesso acquisisca preventivamente tale dispositivo o ne verifichi la validità, qualora ne sia già provvisto.
2. L'adesione preventiva, da parte dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche destinate ai nuclei domestici, ad uno o più sistemi collettivi, ai sensi degli articoli 10, comma 1, e 20, comma 4, del D.Lgs. 25 luglio 2005, n. 151

top

Diritti di segreteria ed altri oneri

L'iscrizione al registro dei produttori prevede i seguenti versamenti:
• € 30,00 per diritti di segreteria da versare sul c.c.p. n. 16559478 della Camera di Commercio di Forlì-Cesena, indicando la causale "Iscrizione al Registro AEE"
• € 14,62 per l'imposta di bollo per la richiesta d’iscrizione
• € 168,00 per tassa di concessione governativa da versare sul c.c.p. n. 8003, intestato all'Agenzia delle Entrate – causale: Iscrizione al Registro AEE

Il pagamento del bollo e dei diritti di segreteria potranno altresì essere versati tramite Telemaco pay. L'accesso al pagamento è consentito anche a soggetto diverso dal legale rappresentante, purchè dotato di smart card ed autorizzato ad effettuare le operazioni amministrative per conto della o delle imprese rappresentate.


A fronte della trasmissione delle variazioni le imprese devono versare un diritto di segreteria pari a 30,00 € e l'imposta di bollo pari a 14.62 €. Non sono dovute le tasse di concessione governativa. Gli importi possono essere pagati tramite Telemaco Pay.

top

Sanzioni (art. 16 D.Lgs. 151/2005)

Immagine paragrafo - Sanzioni (art. 16 D.Lgs. 151/2005) 1. Il distributore che, nell'ipotesi di cui all'articolo 6, comma 1, lettera b), indebitamente non ritira, a titolo gratuito, una apparecchiatura elettrica od elettronica, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 150 ad € 400, per ciascuna apparecchiatura non ritirata o ritirata a titolo oneroso
2. Il produttore che non provvede ad organizzare il sistema di raccolta separata dei RAEE professionali di cui all'articolo 6, comma 3 ed i sistemi di ritiro ed invio, di trattamento e di recupero dei RAEE di cui agli articoli 8, comma 1, e 9, comma 1, ed a finanziare le relative operazioni, nelle ipotesi e secondo le modalità di cui agli articoli 10, comma 1, 11, comma l e 12, commi 1, 2 e 3, fatti salvi, per tali ultime operazioni, gli accordi eventualmente conclusi ai sensi dell'articolo 12, comma 6, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 30.000 ad € 100.000
3. Il produttore che, dopo il 13 agosto 2005, nel momento in cui immette una apparecchiatura elettrica od elettronica sul mercato, non provvede a costituire la garanzia finanziaria di cui agli articoli 11, comma 2, o 12, comma 4, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 200 ad € 1.000 per ciascuna apparecchiatura immessa sul mercato
4. Il produttore che non fornisce, nelle istruzioni per l'uso di AEE, le informazioni di cui all'articolo 13, comma 1, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 2.000 ad € 5.000
5. Il produttore che, entro un anno dalla immissione sul mercato di ogni tipo di nuova AEE, non mette a disposizione dei centri di reimpiego e degli impianti di trattamento e di riciclaggio le informazioni di cui all'articolo 13, comma 3, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 5.000 ad € 30.000
6. Il produttore che, dopo il 13 agosto 2005, immette sul mercato AEE prive della indicazione o del simbolo di cui all'articolo 13, commi 4 e 5, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 200 ad € 1000 per ciascuna apparecchiatura immessa sul mercato. La medesima sanzione amministrativa pecuniaria si applica nel caso in cui i suddetti indicazione o simbolo non siano conformi ai requisiti stabiliti all'articolo 13, commi 4 e 5
7. Il produttore che, senza avere provveduto alla iscrizione presso la Camera di commercio ai sensi dell'articolo 14, comma 2, immette sul mercato AEE, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 30.000 ad € 100.000
8. Il produttore che, entro il termine stabilito col decreto di cui all'articolo 13, comma 8, non comunica al Registro nazionale dei soggetti obbligati allo smaltimento dei RAEE le informazioni di cui all'articolo 13, commi 6 e 7, ovvero le comunica in modo incompleto o inesatto, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 2.000 ad € 20.000
9. Fatte salve le eccezioni di cui all'articolo 5, comma 2, chiunque, dopo il 1° luglio 2006, immette sul mercato AEE nuove contenenti le sostanze di cui all'articolo 5, comma 1 o le ulteriori sostanze individuate ai sensi dell'articolo 18, comma l, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 50 ad € 500 per ciascuna apparecchiatura immessa sul mercato oppure da € 30.000 ad € 100.000

top

Per informazioni

Immagine paragrafo - Per informazioni

Manuela Garoia - 0543 713477
Luca Bartoletti - 0543 38220

top


Download



 

 
Giudica l'utilità di questa pagina cliccando sulle stelle:
Valutazione complessiva:
  Numero giudizi: 2 - Media: Ottimo

icona Twitter icona Facebook icona Google Plus icona YouTube icona Slideshare

Questa pagina ti è stata utile?
stella gradimento Vota a fondo pagina stella gradimento