Finanziamenti Finanziamenti

Concessione di contributi per la partecipazione a fiere e mostre specializzate all'estero - anno 2015

Pubblicato il: 30/01/2015


Downloads      
La Camera di Commercio di Forlė-Cesena, al fine di agevolare l'export delle imprese della provincia, prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, con le modalitā e nei termini di cui alle seguenti norme di attuazione.

top

ART. 1 – Oggetto dell'intervento

Le manifestazioni che potranno essere ammesse al contributo sono esclusivamente le fiere e mostre specializzate svolte all'estero. Possono essere ammesse a contributo anche le "campionarie" che si svolgono all'estero, nei Paesi in cui non esistono manifestazioni specializzate di settore.

top

ART. 2 – Beneficiari

Sono ammesse alla contribuzione le micro, piccole e medie imprese artigiane, industriali, commerciali e di servizi che rientrino nella definizione di piccola e media impresa data dalla Raccomandazione della Commissione Europea n. 2003/361/CE del 6 maggio 2003 pubblicata sulla GUCE L 124 del 20.05.2003.
Sono altresė ammesse le micro, piccole e medie imprese che appartengono al settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato CE.
Sono infine ammessi, i consorzi, le societā consortili, le associazioni temporanee di imprese (ATI), le reti di impresa di cui all’art. 3 comma 4ter e seguenti del D.L. 10/02/20019 n. 5 convertito in L. 9 aprile 2009 n. 33 e successive modificazioni, comprendenti almeno n. 3 imprese con sede operativa nella provincia di Forlė-Cesena e appartenenti ai settori sopra citati.
Alle aggregazioni di imprese possono partecipare anche soggetti diversi dai beneficiari, ma questi non possono accedere al contributo camerale e la loro partecipazione non incide sulla determinazione del numero minimo di imprese richiesto per l’aggregazione.
Sono escluse dall’ammissione al contributo le imprese o le aggregazioni di imprese, le cui componenti :
- risultino inattive;
- non abbiano la sede operativa nella provincia di Forlė-Cesena;
- abbiano subito protesti cambiari negli ultimi due anni;
- siano sottoposte a procedure concorsuali o liquidazione;
- non abbiano pagato il diritto annuo;
- non rientrino nella definizione di piccola e media impresa ai sensi della Raccomandazione della Commissione Europea 2003/361/CE del 6 maggio 2003, pubblicata sulla GUCE L 124 del 20.05.2003;
- abbiano beneficiato per la partecipazione alla manifestazione di altre agevolazioni di fonte pubblica;
- non presentino almeno una fattura corredata da rispettiva rendicontazione di spesa relativa al noleggio dell’area espositiva.
Nel caso consorzio, societā consortile o rete d’impresa con una propria soggettivitā giuridica, la fattura di noleggio dell’area espositiva con relativa rendicontazione di spesa dovrā essere presentata dal soggetto giuridico stesso; nel caso di Ati o di Reti d’impresa senza una propria soggettivitā giuridica, dovrā essere presentata dall’impresa mandataria o capofila ai sensi dell’art.3 di questo disciplinare;
- appartengano ai settori carboniero, di intermediazione monetaria e finanziaria (cod. Ateco 2007:64), di assicurazione e di fondi pensione (cod. Ateco 2007: 65) della pesca e acquacoltura e della produzione primaria dei prodotti agricoli di cui all’allegato 1 del Trattato agli aiuti d’importanza minore, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea L 379/5 del 28/12/2006, in conformitā al regime “de minimis” di cui all’art. 4.
Sono escluse le imprese che rientrano nel divieto disposto dall’art. 4 comma 6 del D.L. 6.07.2012 convertito in L. del 7.08.2012 n. 135, ovvero che nel corso dell’anno di concessione del contributo risultino fornitrici di beni e servizi alla Camera di Commercio di Forlė-Cesena, anche a titolo gratuito.

top

ART. 3 – Spese ammissibili

Il contributo non potrā superare il 50% delle spese (al netto di IVA) di:
- noleggio ed allestimento dell’area espositiva (compresi gli eventuali servizi e forniture opzionali quali energia elettrica, pulizia spazio espositivo, assicurazioni obbligatorie, ecc);
- hostess e interpretariato;
- trasporto materiali e prodotti, compresa l’assicurazione;

Non sono ammissibili le spese di viaggio e soggiorno, di taxi, navette, di rappresentanza e di produzioni di campionature.

In caso di Consorzi, Societā consortili, e Reti d’impresa con una propria soggettivitā giuridica, le spese devono essere sostenute dal Consorzio o dalla Societā consortile o dalla Rete, in caso di Ati o di Reti d’impresa senza una propria soggettivitā giuridica, le spese potranno essere sostenute unicamente dall’impresa mandataria o capofila.

top

ART. 4 – Regime di erogazione dei contributi

I contributi sono erogati in regime "de minimis" (Regolamento UE N. 1407/2013 della Commissione del 18.12.2013, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea L352/1 del 24/12/2013). Ciō comporta che l'impresa, nell'ambito del concetto di "impresa unica" introdotto nel sopra citato regolamento, non possa ottenere aiuti di fonte pubblica in regime "de minimis" per un importo complessivo superiore a euro 200.000,00 durante il periodo che copre l’esercizio finanziario di concessione dell’aiuto e i due esercizi precedenti. Tale limite massimo č ridotto a euro 100.000,00 per le imprese appartenenti al settore dei trasporti su strada.

top

ART. 5 – Criteri generali di concessione

L'ammissione al contributo e l'ammontare dello stesso saranno decisi dal Segretario Generale/ Dirigente di Area, sulla base delle risultanze istruttorie dell’unitā organizzativa competente.
I contributi saranno corrisposti nei limiti della somma stanziata per l'iniziativa. Pertanto, qualora le domande dovessero risultare in numero tale da non poter essere soddisfatte completamente, in riferimento alla disponibilitā del fondo, Il Segretario Generale/ Dirigente di Area procederā alla riduzione proporzionale del contributo previsto.

top

ART. 6 – Determinazione dell'intervento

I contributi concedibili non potranno superare i seguenti massimali:
- euro 3.000,00 per partecipazioni a fiere e mostre U.E. (non sono oggetto di contributo le manifestazioni svolte nel territorio della Repubblica di San Marino) ed extra U.E.;
- euro 5.000,00 per partecipazioni a fiere e mostre U.E. (non sono oggetto di contributo le manifestazioni svolte nel territorio della Repubblica di San Marino) ed extra U.E., da parte di Consorzi, Reti o Ati;
Ciascuna impresa o aggregazione potrā beneficiare di uno dei contributi previsti una sola volta all'anno e per non pių di 4 anni per la stessa manifestazione, per il periodo che copre l’anno solare di riferimento e i quattro anni solari precedenti, con riduzione dei contributi concedibili al 50% il 3° e 4° anno.
Le singole imprese componenti un’aggregazione che presenti domanda di contributo, ai sensi di questo disciplinare, non potranno presentare domanda per il medesimo evento fieristico nell’anno solare di riferimento.

top

ART. 7 – Presentazione delle domande di contributo

Le imprese di cui al precedente art. 2 che intendono ottenere il contributo dovranno far pervenire la relativa domanda in carta intestata dell'impresa alla Camera di Commercio inderogabilmente prima della data di inizio della manifestazione e prima del sostenimento delle spese, con l’eccezione delle spese di noleggio dell’area espositiva.
La domanda dovrā essere firmata, in caso d’impresa, dal legale rappresentante, in caso di Consorzi, Societā consortili, e Reti d’impresa con una propria soggettivitā giuridica, dal legale rappresentante del soggetto giuridico, in caso di Ati o di Reti d’impresa senza una propria soggettivitā giuridica, da legale rappresentante dell’impresa mandataria o capofila, e dovrā contenere le seguenti dichiarazioni:
- che per la partecipazione alla manifestazione l'impresa non beneficerā di altre agevolazioni di fonte pubblica;
- di rientrare nella definizione di micro, piccola e media impresa come specificato all'art. 2;
- di non far parte di un Consorzio, di una Rete o di una Ati che presenti domanda di contributo per il medesimo evento fieristico secondo i criteri dettati da questo disciplinare;
- di accettare integralmente il presente disciplinare camerale in base al quale richiede il contributo.

Nel caso di Consorzi, Societā consortili o ATI, congiuntamente alla domanda dovrā essere inviata copia semplice dello Statuto, ovvero di qualsiasi altra documentazione ufficiale in cui siano chiaramente indicati i componenti dell’aggregazione in oggetto.
Al fine dell’assegnazione del contributo, dovrā essere inoltre chiaramente specificata l’impresa mandataria in caso di Ati o l’impresa capofila in caso di Rete, ove quest’ultima non abbia una propria soggettivitā giuridica.

La domanda dovrā essere inviata esclusivamente:
- per via telematica, sottoscritta mediante firma digitale o firma autografa del legale rappresentante accompagnata da documento di riconoscimento al seguente indirizzo di posta certificata della Camera di Commercio (saranno ritenute ammissibili esclusivamente le domande inviate da una casella di posta elettronica certificata): protocollo@fc.legalmail.camcom.it.

E’ esclusa qualsiasi altra modalitā di invio, pena l’inammissibilitā della domanda.


top

ART. 8 – Liquidazione del contributo

I contributi saranno liquidati annualmente per manifestazioni giā effettuate entro il termine di cui all’art.9, previa presentazione alla Camera di Commercio di:
- copia della documentazione di spesa debitamente quietanzata accompagnata da dichiarazione sostitutiva di atto di notorietā resa ai sensi dell’art.19 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 e successive modificazioni, sottoscritta dal legale rappresentante;
- ovvero apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietā ai sensi dell'art. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 e successive modificazioni, sottoscritta dal legale rappresentante;
inderogabilmente entro 90 giorni dal termine dello svolgimento della manifestazione.

L'esame delle domande, con conclusiva proposta di concessione del contributo, č affidato all’U.O. competente, che relazionerā al Segretario Generale/ Dirigente di Area della Camera di Commercio. La concessione del contributo č disposta dal Segretario Generale/ Dirigente di Area.

La rendicontazione di spesa dovrā essere inviata esclusivamente:
- via fax al numero 0543/713544;
- per via telematica, al seguente indirizzo di posta certificata della Camera di Commercio (saranno ritenute ammissibili esclusivamente le domande inviate da una casella di posta elettronica certificata): protocollo@fc.legalmail.camcom.it.


La liquidazione del contributo alle imprese č subordinata al ricevimento di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietā ai sensi dell'art. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 e successive modificazioni relativamente agli aiuti "de minimis" ricevuti durante l’esercizio finanziario di concessione dell’aiuto e i due esercizi precedenti ed al rispetto dei limiti di cui all’art. 4.

top

ART. 9 – Conclusione del Procedimento e disposizioni procedurali

La Camera di Commercio si riserva di effettuare controlli a campione sugli interventi finanziati, di richiedere qualsiasi altra documentazione che riterrā opportuna, sia a preventivo che a consuntivo, fissando un termine non superiore a 30 giorni ed applica, per quanto non previsto espressamente nel presente disciplinare, quanto disposto dal regolamento generale per la concessione di contributi camerali, di cui alla deliberazione del Consiglio camerale n. 21 del 1/12/2008 e dalla Legge 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni.
In caso di richieste di materiale integrativo il termine finale di cui al presente articolo si intende sospeso fino al ricevimento della documentazione richiesta, mentre la mancata risposta dell’interessato, senza giustificato motivo, entro i termini prestabiliti deve intendersi quale rinuncia al contributo.
Al fine di permettere all’U.O. competente, la valutazione unitaria di tutte le domande pervenute nell’anno, il procedimento di concessione del contributo si conclude entro il 30 aprile dell’anno successivo a quello di riferimento, con provvedimento espresso dal Segretario Generale/Dirigente di Area.
L’unitā organizzativa competente su tutto il procedimento č l’U.O. Internazionalizzazione, responsabile del procedimento č il responsabile dell’U.O.
Avverso il procedimento di non concessione del contributo in oggetto, č ammesso ricorso al T.A.R..
N.B. - Si fa presente che alle somme che verranno corrisposte sarā detratta una ritenuta fiscale pari al 4% in base all'art.28 del D.P.R. 29.09.1973 n. 600 pių Euro 2,00 per bolli. Successivamente l'U.O. Contabilitā e Bilancio della Camera di Commercio rilascerā certificazione degli emolumenti corrisposti e delle ritenute fiscali.

top

Per informazioni

U.O. Internazionalizzazione
Nadia Fabbri
Tel. 0543-713447
fax 0543-713544
ufficio.estero@fc.camcom.it

top


Download


 

 
Giudica l'utilitā di questa pagina cliccando sulle stelle:
Valutazione degli ultimi 12 mesi:
  Numero giudizi: 2 - Media: Ottimo
Valutazione complessiva:
  Numero giudizi: 7 - Media: Ottimo

icona Twitter icona Facebook icona Google Plus icona YouTube icona Slideshare

Questa pagina ti č stata utile?
stella gradimento Vota a fondo pagina stella gradimento
 

 

 

 

 

 

 

Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilitā. Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!